Via libera del Viminale allo sbarco dei migranti a bordo della Open Arms al porto di Messina

In seguito alle richieste avanzate, alle navi Open Arms e Sea Watch 3 sono stati assegnati, rispettivamente, i porti di Messina e Taranto. Lo fa sapere il Viminale, sottolineando che “Francia, Germania, Portogallo e Irlanda hanno già dato la loro disponibilità ad accogliere i richiedenti asilo a bordo”. La disponibilità, informa il ministero, è stata offerta sulla base dell’apertura della procedura di ridistribuzione dei migranti a livello europeo avviata dalla Commissione Ue anche sulla scorta del pre-accordo di Malta. «L’Italia assegna a Open Arms un porto sicuro a Messina. È un grande sollievo per le persone salvate e anche per l’equipaggio. Speriamo di arrivare presto a un meccanismo automatico di sbarco e ridistribuzione senza gli sporchi accordi con Libia». Lo scrive su Twitter il fondatore della Ong spagnola Oscar Camps dopo la decisione del Viminale.