Aiop replica alla Cgil: “Nostri lavoratori non sono figli di un dio minore”

“I nostri lavoratori per noi sono una risorsa preziosa e di alta qualificazione e non vorremo che siano considerati figli di un dio minore, anche noi auspichiamo la copertura del contratto di lavoro da parte delle Regioni, per dare serenità al comparto e stabilità in termini di programmazione e investimenti, per potenziare i servizi sanitari”. Il presidente di Aiop Sicilia, Marco Ferlazzo, replica al documento della Cgil sulle carenze di organico negli ospedali pubblici e privati.  “La ultradecennale imposizione del piano di rientro e il relativo accompagnamento recentissimamente di nuovo imposto, con il conseguente blocco dei livelli di erogazione di prestazioni da parte della componente privata, ha impedito un ulteriore miglioramento dei livelli occupazionali nelle nostre strutture – afferma Ferlazzo – . Se pur apparentemente datata la legge 39/ 88 sul personale, al contrario delle recenti indicazioni sulle dotazioni del comparto  pubblico  fatte ancora sul numero di posti letto, che possono essere anche vuoti, è stata la prima a considerare i minuti di assistenza e quindi di pazienti realmente presenti. La quantità di minuti di assistenza indicati dalla norma 39/88 sono ampiamente superati in quantità di assistenza e quindi con i relativi livelli occupazionali in tutte gli ospedali privati siciliani. Siamo consapevoli del fatto che il contratto dei lavoratori è fermo da 12 anni e  auspichiamo la copertura economica da parte della Regione che possa garantire adeguati livelli di reddito. L’Aiop in questi anni ha portato a compimento un percorso di qualità con investimenti che hanno riguardato attrezzature e processi organizzativi ma soprattutto le risorse umane . Ma le limitazioni imposte dalla Regione sulle prestazioni da erogare rappresentano di fatto un freno allo sviluppo degli ospedali privati”.

Aiop Sicilia rappresenta 54 strutture con 4.362 posti letto e 6906 unità di forza lavoro. Le strutture private nel 2017 hanno erogato 187.394 prestazioni, nei diversi setting assistenziali (ordinario, Day Hospital e Day service), rappresentando il 23,2% del totale delle prestazioni ospedaliere erogate nell’Isola (prestazioni totali 807.316, fonte PROD). L’Ospedalità privata, nonostante incida per circa il 12% sul totale della spesa regionale, eroga ben il 23,2% del totale delle prestazioni ospedaliere dell’intera Sicilia. Inoltre le case di cura assicurano alle 389.000 impegnative raccolte nel 2017, presso le proprie strutture accreditate, ben 1.066.000 prestazioni ambulatoriali ai cittadini siciliani.