Al via la maturità: Pascoli, Verga e Segre alcune delle tracce della prima prova scritta

I ragazzi hanno a disposizione 6 ore, non c’è obbligo, ma solo la raccomandazione, di indossare la mascherina

Maturità al via. Comprensione e analisi e interpretazione di una poesia delle Myricae di Giovanni Pascoli “La via ferrata” e per l’analisi di un testo argomentativo “La sola colpa di essere nati” di Gherardo Colombo e Liliana Segre. Queste due delle tracce proposte ai ragazzi che devono sostenere la prova scritta di italiano.

Una novella di Giovanni Verga “Nedda, Bozzetto siciliano” è una delle sette tracce proposte dal ministero dell’Istruzione ai maturandi.

E ancora, viene proposto un discorso pronunciato alla Camera da Giorgio Parisi, premio Nobel per la Fisica 2021.

“Tienilo acceso: posta commenta condividi senza spegnere il cervello”: una traccia dell’esame di maturità riguarda l’iperconnessione, una riflessione a partire da un testo di Vera Cheno e Bruno Mastroianni.

Oltre 500mila i maturandi all’esame: ai candidati proposte sette tracce di tre diverse tipologie: analisi e interpretazione del testo letterario, analisi e produzione di un testo argomentativo, riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità.

I ragazzi hanno a disposizione 6 ore. Il 96,2% dei candidati è stato ammesso agli esami. Quest’anno le commissioni saranno 13.703, per un totale di 27.319 classi coinvolte.

L’esame di maturità 2022 vede cadere l’obbligo di indossare la mascherina. Quest’ultima viene solamente raccomandata, in particolare in alcune circostanze quali, ad esempio, l’impossibilità di garantire il distanziamento interpersonale di almeno un metro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.