Ai Magazzini del Sale, TRICROMIA di Samuel Beckett con Margherita Smedile, Marco Spadaro e Alfredo Restuccia 

Per la stagione teatrale dei Magazzini del Sale di Messina, sabato 30 aprile alle ore 21.00 andrà in scena in prima assoluta una nuova produzione Nutrimenti Terrestri dedicata a Samuel Beckett, dal titolo TRICROMIA.

Tricromia presenta NON IO, DONDOLO e PAROLE E MUSICA, tre atti unici beckettiani che saranno interpretati in forma di concerto da Margherita Smedile alla voce, insieme ai maestri Marco Spadaro (chitarra elettrica e kalimba) e Alfredo Restuccia (sassofoni, pianoforte e surdo).

Tra questi piccoli grandi capolavori – scrive Margherita Smedile nelle note allo spettacolo – ho scelto Non io, Dondolo, Parole e musica. Da circa 20 anni il testo di Non io mi aveva colpito il cuore, immaginando di interpretarlo in mille modi. Cosa succede ad un essere, sopravvissuto nel dolore della solitudine, la cui bocca comincia a parlare dopo settant’anni di silenzio? Straordinarietà drammaturgica! Profluvio di parole che non approda a risoluzione, se non seguendo l’impulso di un’urgenza espressiva irrefrenabile. Profluvio di parole che, finalmente, trova sbocco nel cuore della vita già vissuta. E osserva e racconta, ma come un bambino”.

Con Tricromia, Margherita Smedile, attrice di straordinaria intensità, torna a collaborare con Nutrimenti dopo aver preso parte ad importanti lavori teatrali della Compagnia sin dal 1984 con Lecture of Nothing e poi in Caramelle al fruttosio (1985), Antigone (1987), L’Arte di Giufà e La Martogliata (1997), Giulio Cesare (1998), Corruzione al Palazzo di Giustizia (1999), The Weir (1999), diretta da registi come Ninni Bruschetta, Vetrano-Randisi e Francesco Calogero nel lungometraggio La gentilezza del tocco del 1987.

Lo spettacolo sarà accompagnato da proiezioni video a cura di Alessandro Turchi. Audio e luci a cura di Stefano Barbagallo. Musiche di Smedile, Spadaro, Restuccia.

“In Dondolo – continua Margherita Smedile nelle sue note al progetto – Beckett non è solo grande drammaturgo, bensì anche poeta: parole in versi che “cantano” una filastrocca che scandisce il passare del tempo al ritmo di una sedia a dondolo il cui oscillare consuma dolcemente la vita di una vecchia signora. Signora che, anch’essa come bambina, si assopisce addolcita dai versi che le fanno da ninnananna. Ho immaginato che il “canto” della filastrocca potesse trovare nella musica un idoneo accordo espressivo.

Parole e musica è un dialogo vivo, brillante, conflittuale/costruttivo tra le Parole e la Musica. Sollecitati dal terzo personaggio, Croack (Beckett?), in Parole e Musica siamo stati incoraggiati a eseguire insieme canzoni su temi fondamentali quali l’accidia, l’amore, la vecchiezza, sperimentando la difficoltà della ricerca di un’armonia”. 

TRICROMIA

Non io, Dondolo, Parole e Musica 

di Samuel Beckett 

con

Margherita Smedile (voce)

Marco Spadaro (chitarra elettrica, kalimba)

Alfredo Restuccia (sassofoni, piano, surdo)

Musiche M. Spadaro, G. A. Restuccia, M. Smedile

Alessandro Turchi (video art)

Stefano Barbagallo (audio e luci)

Produzione Nutrimenti Terrestri

Sabato 30 aprile ore 21.00

Unica Replica

Magazzini del Sale, Via del Santo 67, Messina 

Necessaria la prenotazione al 3395035152.