FC Messina sconfitto dal Giugliano, che lo scavalca in classifica

Pesante sconfitta per il FC Messina che è stato sconfitto in casa del Giugliano per 1-0. In virtù di questo risultato e degli altri maturati in questa giornata, il FC Messina viene scavalcato dalla formazione campana in classifica e retrocede al quarto posto. I messinesi, inoltre, sono stati agganciati dall’Acireale che oggi ha vinto con il Roccella. Una sconfitta, quindi, che potrebbe avere pesanti ripercussioni se domenica non ci sarà l’immediato riscatto con il Savoia e, la giornata successiva, sarà decisiva anche la trasferta di Acireale. I ragazzi di Gabriele saranno chiamati a fare gli straordinari per rimanere agganciati al treno dei play off e non perdere ulteriori punti preziosi.

Oggi i giallorossi hanno disputato la gara, probabilmente, con troppi tatticismi a cui non sono abituati. Non è stato il classico FC Messina che gioca a viso aperto dal primo all’ultimo minuto, creando numerose palle gol, come a Palermo. Quello visto oggi a Giugliano, è stato un FC Messina che ha tentato di gestire la gara senza rischiare più di tanto; atteggiamento tattico, pagato a caro prezzo. Nella prima frazione, i messinesi hanno lasciato il pallino del gioco in mano al Giugliano che non ha mai impegnato Marone. Il FC Messina si è reso pericoloso solo in un’occasione con un colpo di testa di Correnti con la sfera di poco alta sulla traversa. In campo tanto nervosismo sin dai primi minuti di gioco per la pesante posta in palio. Più volte si è rischiata la rissa, ma il direttore di gara ha saputo mantenere la gara sui giusti binari.

Nella ripresa il FC Messina parte forte, crea due occasioni da rete con Correnti e Bevis, entrambe sprecate malamente. Gabriele getta nella mischia Melillo per dare maggiore profondità alle azioni e meno punti di riferimento agli avversari, ma la musica non cambia. Anzi, è il Giugliano ad avere la possibilità di portarsi in vantaggio grazie a un calcio di rigore dubbio, concesso dal direttore di gara al 61’. Lo calcia Esposito, ma un super Marone si tuffa e salva la sua porta. All’82’ Alessandro Marchetti rimedia il secondo cartellino giallo e lascia la sua squadra in dieci uomini. Ci sono più spazi per i padroni di casa che ci credono e avanzano il baricentro. A due minuti dallo scadere del tempo regolamentare, Un tiro di Orefice dal limite, deviato da Fissore, prende una strana traiettoria che inganna Marone e termina in rete: 1-0.  Gli ospiti non riescono a reagire e dopo cinque minuti di recupero il risultato non cambia: vittoria del Giugliano che effettua il sorpasso ai danni dei messinesi e aggancia il terzo posto in classifica.