Pareggio amaro per il FC Messina, due rigori per parte decidono la gara

Il FC Messina non riesce a gestire il doppio vantaggio e viene rimontato dal Biancavilla. Un pareggio che fa male, perché i giallorossi, nella prima frazione, avevano controllato la partita senza faticare, scongiurando sul nascere ogni possibile pericolo verso la porta di Aiello. La chance di Carrozza a pochi secondi dal duplice fischio avrebbe potuto chiudere definitivamente la sfida, ma con i se e con i ma non si vincono le partite e, ancora una volta, in questo inizio di stagione, bisogna raccontare di un’occasione sprecata.

La gara si apre con il FC Messina in avanti, ma al 3’ Carbonaro alza troppo la mira dal limite. Sei minuti dopo è Correnti che prova a far male dalla sinistra, ma il suo cross tagliato viene allontanato da Genovese. Poche emozioni in questa fase, sino al 24’, quando lo scambio Correnti – Carbonaro favorisce l’ingresso in area del classe 2001 che viene atterrato: rigore. Dagli undici metri è Carbonaro a realizzare lo 0-1.Una rete che da lo slancio ai giallorossi, vicini al raddoppio due minuti dopo, quando Carrozza non arriva per centimetri sul cross di Carbonaro. Ancione prova a scuotere il Biancavilla al 29’, ma la punizione del centrocampista messinese non viene deviata da nessun compagno. Aladje con una gran torsione impegnaGenovese al 36’. FC Messina che trova lo 0-2 ancora dal dischetto, stavolta conAladje su penalty conquistato da Carbonaro.

Nei due minuti di recupero del primo tempo i giallorossi sprecano il colpo del K.O. con Carrozza, a tu per tu con Genovese.

Al 47’ Fissore e Rabbeni vengono a contatto in area, per l’arbitro ci sono gli estremi per il terzo rigore di giornata, che Ancione realizza.  Il FC Messina prova a reagire immediatamente, ma è debole il tentativo di Carbonaro servito da Correnti. A 17 minuti dalla fine il Biancavilla rimane in 10 per espulsione di Viglianisi, ingenuo a spintonare Brunetti vicino l’out laterale. Gli ospiti non approfittano della superiorità numerica che dura appena sei giri di lancette: fallo da ultimo uomo di Brunetti su Rabbeni e poker di rigori all’Orazio Raiti. Maimone non sbaglia, fissando il risultato sul 2-2. A pochi secondi dalla fine Ancione impegna Aiello.