Genevier e Cocimano stendono il Gela, 3-0 il risultato finale

Vittoria doveva essere e vittoria è stata. L’Acr Messina già dalla scorsa domenica voleva iniziare un nuovo corso fatto di vittorie. Sette giorni addietro la prestazione c’è stata, il risultato no. Oggi, invece, al Franco Scoglio, i ragazzi di Biagioni hanno superato il Gela per 3-0 grazie a due gol di Genevier, entrambi su calcio di rigore, e una rete di Cocimano. Gli ospiti hanno sbagliato un penalty con l’ex Ragosta, poi espulso per doppia ammonizione.

Parte subito forte il Messina che al 5’ si rende pericoloso con Petrilli, il portiere ospite si rifugia in corner. Dopo dieci minuti, ancora i padroni di casa vicini al gol con Traditi, Castaldo respinge di piede. La svolta della gara arriva al 24’, quando un calciatore del Gela tocca la sfera, in area, con un braccio e l’arbitro assegna un calcio di rigore. Si incarica della battuta Gael Genevier che insacca in rete: 1-0. Il Messina dopo tre minuti ha la possibilità di raddoppiare, ma Traditi si divora un gol facile. Al 29’ Fallo di Petrilli in area e Murras assegna un penalty per gli ospiti. Lo calcia l’ex Ragosta, ma Ragone si distende benissimo e gli nega la gioia del gol. Al 38’ ci prova Rabbeni, ma la sfera è alta. Quasi allo scadere del tempo regolamentare, Ragosta commette un fallo su Petrilli in area: rigore per il Messina e altro cartellino giallo per l’ex biancoscudato, costretto ad abbandonare il terreno di gioco. Il penalty è calciato nuovamente da Genevier che raddoppia: 2-0. Dopo 4 minuti di recupero l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi con il Messina forte del duplice vantaggio.

Nella ripresa il Messina attende il Gela, che ha un uomo in meno, ma dopo tre minuti rischia tantissimo grazie ad una disattenzione di Porcaro che consente a Sowe di involarsi in area, ma il colored sbaglia tutto. Al 60’ancora il Gela pericoloso con Alma, sfera di poco fuori. Ancora gli ospiti in avanti con Mannone, il portiere di casa si disimpegna bene. Al 64’ ottima punizione di Schisciano ed ancora una volta Ragone risponde presente. Il Gela è costantemente in avanti alla ricerca del gol, ma al 79’ il Messina costruisce una ottima azione offensiva con Gambino che serve benissimo Cocimano in area; il biancoscudato, a tu per tu con il portiere, non sbaglia: 3-0. Due minuti dopo gran tiro di Alma e Ragone, ancora una volta, difende benissimo la sua porta. Dopo questo episodio non succede più nulla e al 49’ il signor Murras di Sassari pone fine alle ostilità. Messina batte Gela 3-0.

Fotogallery by Emanuele Villari