Banner

Ultima foto gallery

Banner
Banner
Banner

Contattaci

Banner

Ultime Sport

Pallavolo Messina perde in casa contro il Gravina



Adesso per la Pallavolo Messina si fa dura. I prossimi due impegni saranno fuori dalle mura amiche, i giallorossi dovranno tirar fuori grinta ed...
Leggi tutto...
Il Messina si illude, poi viene raggiunto e superato dal Martina F.



In vantaggio al 25' con Izzillo, i peloritani subiscono due sberle al 60' e all'86'. Gol entrambi realizzati da Montalto.   Tre punti in quattro...
Leggi tutto...
Il Siracusa ha vita facile al Celeste e surclassa il Città di Messina



Il Città di Messina paga a caro prezzo le numerose assenze e compie un passo indietro dopo l’ottima prestazione offerta domenica scorsa nella ...
Leggi tutto...
Il settore giovanile del Mondo Giovane vuol essere protagonista



Il Mondo Giovane disputerà tutti i campionati Fipav giovanili del settore maschile: dall’under 13 sino all’under 19.   L’attività...
Leggi tutto...
La Messana Tremonti costruisce il vivaio per il futuro



L’under 14 farà il suo esordio in campionato domenica prossima quando alla Juvara andrà ad affrontare lo Jonio Volley.   La Messana Tremonti sta...
Leggi tutto...
Banner
Banner

Chi è online

 789 visitatori online
Sequestrò un coetaneo e madre, condannato a 9 anni PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Cronaca - News
Mercoledì 01 Dicembre 2010 08:47
AddThis Social Bookmark Button

La richiesta del pm Ammendola era 18 anni di reclusione. E' stato giudicato con rito abbreviato

 

Gianfranco Bonanno, 19 anni, è stato condannato a 9 anni di reclusione. Il giovane si era reso protagonista di un incredibile episodio di violenza, sequestro di persona ed estorsione. Prima rapinò e minacciò con un coltello un giovane, poi lo sequestrò, lo costrinse ad accompagnarlo a casa dalla madre e si fece consegnare il bancomat.

L'incredibile episodio accadde alle 5 del mattino dello scorso 5 settembre. Gianfranco Bonanno, a villaggio S. Agata, nella zona nord di Messina, costrinse un 20enne a fermarsi con la propria automobile e si introdusse all'interno. Dopo averlo colpito più volte al volto, gli intimò di consegnarli il denaro in suo possesso, strappandogli una catenina dal collo. Ma non fu soddisfatto.

 

Infatti, sotto la minaccia di un grosso coltello, puntato alla gola, costrinse la vittima a a raggiungere la propria abitazione. In casa c'era la madre del giovane, che ancora dormiva in camera da letto. Bonanno, puntando sempre il coltello al collo del 20enne, svegliò la donna e si fece consegnare diversi oggetti d'oro.

 

Ma non contento di quanto ricevuto, la costrinse a farsi consegnare il bancomat con il relativo codice pin. Dopo aver minacciato la donna di ritorsioni nei confronti del figlio nel caso avesse avvisato le Forze dell'Ordine, il rapinatore si recò, insieme alla vittima, in un istituto di credito di via Consolare Pompea per prelevare la somma di 250 euro.

 

Dopo essersi liberato del proprio aguzzino, il giovane raccontò l'incredibile ed angoscioso episodio ai Carabinieri di Faro Superiore. I militari del Nucleo Operativo ci misero poche ore per individuarlo ed arrestarlo. Ieri Gianfranco Bonanno, durante l'udienza preliminare, davanti al gup Maria Teresa Arena, è stato condannato a 9 anni di reclusione. Al giovane è stato concesso uno sconto di pena in quanto giudicato con rito abbreviato. La richiesta del pm Ammendola era molto più grave: 18 anni di reclusione. Fondamentale la tesi sostenuta dagli avvocati difensori che hanno considerato il sequestro di persona “non programmato”.