Banner

Ultima foto gallery

Banner

Ultime Sport

Nonostante il solito Corona il Messina non riesce a vincere



La sindrome da "pareggite" non abbandona il Messina che viene trafitto da un gol di Infantino, poi il pareggio di Corona al 70'.   È da quel 25...
Leggi tutto...
Per l'Ossidiana un derby che vale la salvezza



La squadra messinese affronterà il quotato Acicastello, nella gara, valevole per la quinta giornata di ritorno del campionato nazionale di serie B...
Leggi tutto...
Pallanuoto serie B: trasferta cosentina per i cussini



Partita importante per il centroboa cosentino Gianmarco Manna, reduce da una lunga militanza tra le fila dei calabresi.   Torna in vasca il Cus...
Leggi tutto...
Waterpolo Messina, contro Catania una gara che vale la semifinale play off



Le messinesi ospitano l'Orizzonte Catania nella gara di ritorno dei quarti di finale play off scudetto. Una vittoria chiuderebbe la serie.  ...
Leggi tutto...
Hockey prato, il Cus Unime ferma sul pari l’HC Ragusa



Il miglior CUS Unime della stagione frena la corsa della corazzata HC Ragusa. Gli universitari al Dusmet di Catania impongono ai ragusani un 2-2. Il...
Leggi tutto...
Banner
Banner

Chi è online

 1499 visitatori online
Banner

Contattaci

Banner
Sequestrò un coetaneo e madre, condannato a 9 anni PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Cronaca - News
Mercoledì 01 Dicembre 2010 08:47
AddThis Social Bookmark Button

La richiesta del pm Ammendola era 18 anni di reclusione. E' stato giudicato con rito abbreviato

 

Gianfranco Bonanno, 19 anni, è stato condannato a 9 anni di reclusione. Il giovane si era reso protagonista di un incredibile episodio di violenza, sequestro di persona ed estorsione. Prima rapinò e minacciò con un coltello un giovane, poi lo sequestrò, lo costrinse ad accompagnarlo a casa dalla madre e si fece consegnare il bancomat.

L'incredibile episodio accadde alle 5 del mattino dello scorso 5 settembre. Gianfranco Bonanno, a villaggio S. Agata, nella zona nord di Messina, costrinse un 20enne a fermarsi con la propria automobile e si introdusse all'interno. Dopo averlo colpito più volte al volto, gli intimò di consegnarli il denaro in suo possesso, strappandogli una catenina dal collo. Ma non fu soddisfatto.

 

Infatti, sotto la minaccia di un grosso coltello, puntato alla gola, costrinse la vittima a a raggiungere la propria abitazione. In casa c'era la madre del giovane, che ancora dormiva in camera da letto. Bonanno, puntando sempre il coltello al collo del 20enne, svegliò la donna e si fece consegnare diversi oggetti d'oro.

 

Ma non contento di quanto ricevuto, la costrinse a farsi consegnare il bancomat con il relativo codice pin. Dopo aver minacciato la donna di ritorsioni nei confronti del figlio nel caso avesse avvisato le Forze dell'Ordine, il rapinatore si recò, insieme alla vittima, in un istituto di credito di via Consolare Pompea per prelevare la somma di 250 euro.

 

Dopo essersi liberato del proprio aguzzino, il giovane raccontò l'incredibile ed angoscioso episodio ai Carabinieri di Faro Superiore. I militari del Nucleo Operativo ci misero poche ore per individuarlo ed arrestarlo. Ieri Gianfranco Bonanno, durante l'udienza preliminare, davanti al gup Maria Teresa Arena, è stato condannato a 9 anni di reclusione. Al giovane è stato concesso uno sconto di pena in quanto giudicato con rito abbreviato. La richiesta del pm Ammendola era molto più grave: 18 anni di reclusione. Fondamentale la tesi sostenuta dagli avvocati difensori che hanno considerato il sequestro di persona “non programmato”.