Si rinnova la centenaria processione del Crocifisso di San Pier Niceto

Scritto da  Elisa Capillo Apr 16, 2017

Parole d'ordine: Tradizione, condivisione e Fede. Su queste basi si fonda la centenaria processione del Crocifisso di San Pier Niceto. Anche quest'anno, come ogni anno, si è rinnovata la suggestiva e particolare tradizione che ha radici antichissime. La Chiesa di San Giacomo ospita e custodisce il pregevole Crocifisso che il giorno di martedì santo viene portato in processione per le vie del paese. Protagonisti assieme al Sacro Simulacro sono i bambini. Per sottolineare la regalità del Signore Gesù Crocifisso, gli abiti dei bambini che per voto dei genitori partecipano a questa solenne processione, vengono agghindati da tantissimi monili d'oro chiesti a tutti i conoscenti, che a loro volta, sempre per voto, concedono in prestito. Cuciti dalle mani abili di sarte che da sempre offrono questo lavoro minuzioso per devozione, gli abitini elaboratissimi sono la particolarità di Angioletti, Angioloni e Monachelle, divenendo , quindi, anche simbolo di condivisione. L'imponente Statua viene portata fuori dalla Chiesa di San Giacomo a spalla da una sola persona, che la sistema in una vara sul sagrato. Qui inizia la lunga preparazione del S.S.Crocifisso con nastri bianchi, azzurri, rosa e rossi legati alle mani del Cristo, ai piedi, invece, vengono deposte le rose rosse e dietro i rami di cipresso,che alla fine dell'evento diverranno bersaglio di ogni fedele che vorrà portare con se un pezzetto di rametto come reliquia. Al suono delle campane e accompagnati dalle marce della Banda, inizia il percorso. In perfetto ordine un enorme cordone di persone in rigoroso silenzio, con ceri votivi in mano, si srotola per le vie del paese, non oltrepassando i nastri rossi che delimitano il percorso degli Angioletti d'oro. Le strette e ripide vie di San Pier Niceto rendono la processione ancora più suggestiva e mistica e con la precisione millimetrica e la maestrìa che solo l'esperienza centenaria dà, si arriva al Duomo, la Chiesa cinquecentesca di San Pietro apostolo, per la celebrazione della Santa Messa. All'imbrunire il percorso inverso riporta il S.S. Crocifisso nella Chiesa di San Giacomo, dove così come è iniziato, le campane e i fuochi pirotecnici chiudono la secolare tradizione Sampietrese.

Ultima modifica il Domenica, 16 Aprile 2017 09:53

Vi informiamo che utilizziamo dei cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione. Maggiori informazioni sono sulla pagina privacy.Grazie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information