E’ stato conferito stamane, nell’affollatissima Aula Magna dell’Ateneo, il Dottorato honoris causa in Biologia Applicata e Medicina Sperimentale a Piero Angela. Pioniere di radio e tv in Italia, è un personaggio poliedrico della cultura italiana che alterna la sua attività di giornalista e conduttore televisivo a quella di scrittore e, in particolare, divulgatore scientifico, è autore di 38 libri e l’ultimo volume è intitolato “Il mio lungo viaggio. 90 anni di storie vissute”.
La cerimonia di conferimento del Dottorato honoris causa è stata inaugurata dalle parole del prof. Salvatore Cuzzocrea, coordinatore del Dottorato di Ricerca in Biologia Applicata e Medicina Sperimentale: “Siamo onorati, in quest’occasione così importante, di ospitare un personaggio autorevolissimo del nostro Paese. La presenza di Piero Angela rappresenta l’occasione perfetta per ribadire che il Dottorato che ho il piacere di coordinare mira a portare avanti l’arte della ricerca, con attività giornaliere che danno la concreta possibilità ai nostri studenti di partecipare al dibattito scientifico internazionale. Ringrazio il dott. Angela perché la nostra passione per le Scienze biomediche deriva anche dal suo lavoro”.
Il prof. Flavio Angileri, associato di Neurochirurgia dell’Ateneo, nel corso della laudatio ha illustrato la carriera del dott. Angela, costellata da successi e grandi traguardi: “La notorietà del dott. Angela è testimoniata tra l’altro dai risultati dei motori di ricerca, una volta digitato il suo nome. Ha iniziato da cronista radiofonico e proseguito con le conduzioni, in particolare, del Tg2. Il 1981, con la nascita di ‘Quark’ e il susseguirsi, sino ad oggi, di programmi simili, rappresentano l’intuizione più grande e provano il suo grande amore per la Scienza. La sua caratura si percepisce anche da alcune curiosità, basti pensare che un asteroide, identificato negli anni Novanta, ed un mollusco, portano oggi il suo nome. E’ stato tra i fondatori del CICAP, Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, associazione nata per promuovere l’educazione scientifica e lo spirito critico, nonché per indagare sull’effettiva esistenza dei presunti fenomeni paranormali. Oltre a riconoscimenti nazionali ed internazionali (tra cui il prestigioso Premio “Kalinga”dell’Unesco per la divulgazione scientifica) è stato insignito della Medaglia d’Oro per la Cultura dal Presidente della Repubblica e dell’onorificenza come Grande Ufficiale – Ordine al merito della Repubblica Italiana”.
Il dott. Angela ha tenuto una lectio doctoralis su “Medicina e Società”. “Innanzitutto – ha esordito – desidero sinceramente ringraziare l’Ateneo per avermi tributato il Dottorato honoris causa. Inoltre, sono stato piacevolmente sorpreso dalla bellezza di questa città. Fin qui ho ottenuto 9 lauree ad honorem, ma mai un riconoscimento di questo livello. Queste onorificenze non mi vengono date di certo per ciò che so, ma per quello che cerco di fare e trasmettere. Condivido idealmente questo titolo con tutti coloro i quali hanno, negli anni, lavorato con me. Il mio amore per i documentari e la divulgazione della scienza è nato a Cambridge, quando ebbi a che fare con lo scienziato Max Perutz, vincitore del Premio Nobel per la Chimica, e con i suoi studi sulla molecola dell’emoglobina. Ho appreso che la scienza non è democratica, perché necessita di accurato controllo e numerose verifiche. Caratteristiche fondamentali per chi ha delle responsabilità verso la collettività. Solo chi ha appreso questa lezione ha diritto di parola in ambito scientifico. E’ incredibile come, nel tempo, abbia potuto conoscere i cambiamenti della medicina e della scienza e la loro correlazione con le tecnologie. La macchina di Watson, ad esempio, con la sua intelligenza artificiale è capace di sostituirsi ad un medico. Non solo grazie a questo rapporto, l’aspettativa di vita umana si è allungata e in futuro aumenteranno gli anziani, ma diminuiranno i giovani a causa della crisi delle nascite. I rappresentanti della gioventù saranno sempre meno e dovranno accrescere le loro capacità per gestire la società. Consiglio loro, per esperienza, di puntare all’eccellenza, di essere curiosi e di amare ciò che fanno, come io amo la scienza e il suo metodo”.
La cerimonia è stata conclusa dal Rettore, prof. Pietro Navarra: “Oggi il dott. Piero Angela entra a far parte della nostra comunità accademica e, grazie a lui ed al suo esempio, il prestigio del nostro Ateneo aumenta. Siamo fieri di averlo accolto nel migliore dei modi”. La Cerimonia si è svolta con la media-partnership della RAI.

Incredibile svolta giudiziaria nel caso Fenapi. Il tribunale del Riesame ha cancellato le accuse per l'on. Cateno De Luca e l'ex presidente dell'ente Carmelo Satta, annullando l'ordinanza che disponeva i domiciliari per Cateno De Luca e Carmelo Satta, arrestati l'8 novembre. Tornati in libertà lunedì scorso, dopo l'interrogatorio di garanzia, per il Riesame non andavano arrestati. Il collegio ha accolto il ricorso del deputato e i giudici del Riesame hanno disposto tutte le somme che erano sottoposte a sequestro.

Nel quadro delle iniziative promosse dall’Unione Europea in favore della Promozione e della Introduzione delle nuove tecnologie nella scuola ed in maniera particolare della Robotica, dal 17 al 26 Novembre in tutti i paesi Europei sono stati programmati centinaia di eventi per la Settima Edizione della "European Robotics Week" per far conoscere la robotica in Europa e la robotica europea al mondo.

Anche a Messina, sabato  25 Novembre, l’Istituto di Istruzione Superiore “Verona-Trento”  inaugurerà l'evento  "RoboVT" come giornata Europea della Robotica. Nel plesso  di Via Ugo Bassi,  dalle ore 9,30 alle 13,00 e dalle 15,30 alle 19,00, gli insegnanti e gli studenti-guida illustreranno, a tutti gli intervenuti, le progettualità  e tutti i materiali inerenti il tema della Giornata tra cui NAO-robot umanoide, Mano robotica, Monitor con Zerorobotics, Macchine programmate, Cubotto   per comunicare i benefici della robotica nelle sue diverse applicazioni.

Inaudita violenza quella ai danni del povero uomo nei confronti del quale ha sferrato un pugno costatogli la tumefazione dello zigomo e tanta paura. Non pago si era subito dopo scagliato contro una donna colpendo, con pugni e calci, lo sportello dell’autovettura nella quale la stessa aveva trovato rifugio. Ed ancora a distanza di poco, brandendo una bottiglia di birra, proferendo frasi ingiuriose, aggrediva due ragazze per impossessarsi di una esigua somma di denaro. Stesse modalità e medesimo importo si ripetevano nei confronti di ulteriori due giovani minacciate altresì di morte.

Spostamenti rapidi, appiedati, con zaino a spalla ed i peggiori propositi: queste le modalità che hanno contraddistinto l’azione dell’uomo arrestato ieri dalle volanti della Questura di Messina. Immediato l’intervento dei poliziotti che, dopo aver rassicurato le vittime e raccolto le loro testimonianze, hanno messo a setaccio l’intera città alla ricerca del colpevole. Louro Schlup Josè Alejandro, 30 anni nato in Svizzera, è stato bloccato dagli operatori di polizia in prossimità della villetta Largo dei Marinai Russi con addosso quei pochi spiccioli sottratti con violenza ai malcapitati.

Dell’accaduto è stata informata l’Autorità giudiziaria competente che disponeva venisse condotto presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi in attesa di giudizio.

Non ce l'ha fatta il 44enne Giacomo Mangano che lo scorso 13 novembre era rimasto coinvolto in un grave incidente in Tangenziale a Messina. L'uomo a bordo del suo scooter, si era immesso in Tangenziale dallo svincolo di Boccetta ed era diretto al rione Annunziata. Prima è stato tamponato da un auto nei pressi dello svoncolo Giostra, successivamente è stato travolto da un furgone che non è riuscito ad evitare l'impatto. Mangano venne trasportato d'urgenza in gravissime condizioni presso il Policlinico Universitario di Messina dove i medici effettuarono interventi di asportazione milza e una parte dell'intestino. Il 44enne riportò diverse fratture in varie parti del corpo. Le sue condizioni apparvero subito gravi ai medici del Policlinico e subito scattò una gara di solidarietà da parte di parenti e amici su Facebook per la raccolta di sangue necessario per le trasfusioni. Dopo aver combattuto oltre dieci giorni come un leone, purtroppo non ce l'ha fatta. Giacomo Mangano era sposato e padre di un bimbo.

Ennesimo sbarco di Migranti al porto di Messina. A bordo della nave della Guardia Costiera “Diciotti” sono arrivati al molo Norimberga del capoluogo peloritano 622 extracomunitari. Tra loro anche donne e bambini. E' scattata immediatamente l'ormai rodata macchina dell'accoglienza che prevede tutti i controlli previsti durante gli sbarchi con identificazione da parte della Polizia di Stato, controlli medici della Croce Rossa e Asp e successivo trasferimento nei luoghi di destinazione.

 

Filastine & Nova sono un duo multimediale che lavora per minare i confini. Grey Filastine è producer americano di base a Barcelona, Nova Ruth, cantante e videoattivista indonesiana. Un privilegio per il Retronouveau, LiveClub di Via Crocerossa, e per la città di Messina, ospitare una band abituata a calcare palchi internazionali importanti ( come il Primavera Sound) o persino improvvisare un concerto presso il campo migranti di Calais.

La loro proposta musicale è tanto coinvolgente quanto inclassificabile, visto che con spirito punk si passa dal freak folk alla musica trap, passando per la world music e il post-rock, a cui si aggiungono batterie elettroniche con vocals stratificati, suoni concreti ( ad esempio un carrello della spesa!) e sintetizzatori analogici. Uno spettacolo incredibile a base di global worldmusic e visuals avveniristici, per l’unica data prevista in Sicilia, per promuovere il loro ultimo e splendido,”Drapetomania”. Un’esperienza sensoriale unica, avvolgente e scarnificante che trasformerà la nostra sala in un dancefloor apocalittico, in cui lo spettatore, si troverà più volte protagonista.

La rivista Spin lo chiama ” Bass Music per i futuri urbani in rovina” e Pitchfork dice che “suonano meno come la musica del mondo e più come la musica di un altro mondo”. Un altro mondo è proprio quello che vogliono creare, utilizzando il suono, il video, il design , e ballare per esprimere una visione radicalmente diversa del possibile.

Open door ore 22.30

Inizio concerto ore 23.30

Ingresso 7€

Aftershow Djset by:

Davide Patania & Davide Pedelì

Info live:

www.retronouveau.it

www.facebook/retronouveau

Instagram: Retronouveau_

Dopo l'articolo della nostra giornalista Giusy Arimatea, che ha raccontato la tristissima vicenda del fratello morto a causa di una leucemia, raccontando nei dettagli gli ultimi giorni trascorsi in ospedale, la Direzione dell'Azienda Ospedaliera Papardo, ha avviato una indagine interna per verificare eventuali negligenze da parte del personale sanitario che opera all'interno del nosocomio messinese. Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa dell'azienda ospedaliera giunto alla nostra redazione: <<Abbiamo letto con grande attenzione la lettera del familiare dell'uomo prematuramente deceduto nel nostro ospedale. Una lettera scritta con cuore ed umanità e che racconta quanto amasse la vita. Questa Direzione, per la trasparenza che ha contraddistino il pur breve operato, vuole, al pari dei familiari, fare chiarezza sull'accaduto. Abbiamo pertanto disposto un'indagine interna per conoscere tutti i particolari. Purtroppo nessuno potrà ridare la vita all'uomo, ma vogliamo capire se ci sono state negligenze, imperizie o superficialità>>.

I Carabinieri della Compagnia di Messina Sud nella giornata di ieri hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere al pregiudicato Vincenzo Astuto, 37enne messinese già ristretto per altra causa, responsabile di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso, in esecuzione di ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal gip del Tribunale. Astuto aveva tentato d’imporre il pizzo ad un commerciante della zona sud della città, prospettandogli pesanti ritorsioni in caso si fosse rifiutato di pagare una somma mensile di 500 euro. Una vera e propria richiesta in stile “mafioso”, giustificata anche dal passato criminale dell’uomo, già condannato per 416 bis e coinvolto nella nota operazione “Case basse” che nel luglio del 2008 ha portato dietro le sbarre 27 persone accusate di associazione mafiosa. A condurre le indagini all’epoca furono i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Messina che riuscirono a tracciare il nuovo organigramma mafioso che andava delineandosi in città, nella zona sud e nel rione Giostra con l'emersione dei clan capeggiati dalle famiglie Barbera e Santovito, che facevano riferimento a Marcello D'Arrigo. Promotore dell'organizzazione secondo gli investigatori era invece Pietro Trischitta, detenuto al 41 bis, regime di carcere duro. Dalle indagini emersero i progetti per soppiantare lo storico gruppo di Giacomo Spartà operante a Santa Lucia sopra Contesse, la preparazione di omicidi e l'asse comune con la costola del gruppo facente capo a Gaetano Barbera, ben radicata a Giostra e nella zona nord. Un curriculum criminale di tutto rispetto quello di Astuto, che ha tentato d’intimidire l’inerme commerciante non riuscendo però nell’intento per cause indipendenti dalla sua volontà poiché nello stesso periodo venne arrestato in flagranza di reato per fatti analoghi. L’indagine dei carabinieri ha permesso di ricostruire la vicenda raccogliendo gravi indizi a suo carico, pienamente condivisi dall’autorità giudiziaria che ha emesso l’odierno provvedimento.

Ultima tappa per il progetto camper. Domani mattina la Polizia di Stato incontrerà gli alunni dell’Istituto Tecnico Economico Jaci per parlare, ancora una volta, di violenza di genere. Ultimo di una serie di appuntamenti con gli studenti messinesi di un progetto ideato e promosso dalla Questura per affrontare tematiche attuali e importanti quali il femminicidio, il bullismo, la violenza domestica. Sabato mattina invece il camper firmato Polizia di Stato, insieme alle associazioni Cedav, Eva Onlus, Posto Occupato e all’ospedale Papardo, sosterà nella centrale Piazza Cairoli per incontrare la gente e continuare, in un’ottica di prevenzione, la lotta contro la violenza di genere.

Vi informiamo che utilizziamo dei cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione. Maggiori informazioni sono sulla pagina privacy.Grazie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information