"Una guerra nucleare potrebbe scoppiare da un momento all'altro nella penisola coreana": lo ha detto l'ambasciatore di Pyongyang all'Onu, Kim In Ryong, a Palazzo di Vetro. "Gli Stati Uniti stanno disturbando la pace e la stabilità globale, insistendo in una logica da gangster", ha precisato il delegato nordcoreano. L'ambasciatore ha poi sottolineato che "i test sui missili fanno parte del normale percorso per sviluppare capacità di autodifesa".

Le ricerche dell'uomo che a Cleveland ha ucciso un anziano scelto a caso in strada e poi ha pubblicato il video dell'omicidio su Facebook, si sono estese ad altri Stati americani oltre all'Ohio. L'assassino, identificato come il 37enne Steve Stephens, potrebbe infatti essere sfuggito ai controlli sinora in vigore: ora è ricercato anche in Pennsylvania, Indiana, Michigan e New York.

Secondo la Guida suprema dell'Iran, l'ayatollah Ali Khamenei, l'attacco degli Stati Uniti a una base in Siria è stato un "errore cruciale". "Stanno ripetendo gli stessi errori dei loro predecessori - ha aggiunto, citato da Press Tv -, le ex autorità americane hanno creato Daesh (acronimo arabo dello Stato islamico - ndr) o l'hanno sostenuto, e le autorità attuali lo stanno rafforzando".

Una bomba a mano, disinnescata ma carica di esplosivo, e una cartucciera con proiettili vuoti, sono stati trovati in un pacco postale che stava per essere caricato su un volo misto, merci e passeggeri, per Fiumicino. Il plico, scoperto dal personale della sicurezza, proveniva dalla base Usa di Sigonella ed era stato consegnato al terminal merci dello scalo Fontanarossa (Catania) da uno spedizioniere. Il pacco era diretto in America. A spedire il plico, con destinazione a casa sua negli Stati Uniti, sarebbe stato un militare della base Usa di Sigonella...un genio!!!

Il nuovo bando di Donald Trump che limita gli arrivi da sei Paesi a maggioranza musulmana accusa la sua prima sconfitta in tribunale. Un giudice federale del Wisconsin ha bloccato la direttiva relativa a una famiglia di rifugiati siriani che vive nello Stato. In questo caso, ha stabilito la corte, il decreto non può essere usato per ritardare gli sforzi dell'uomo per cercare di portare sua moglie e sua figlia negli Stati Uniti.

Migliaia di manifestanti, molti dei quali nativi americani, sono scesi in strada a Washington D.C. per protestare contro il progetto dell'oleodotto Dakota Access Pipeline, che passerebbe attraverso la riserva della tribù Sioux di Standing Rock. La protesta di ambientalisti e indiani aveva portato Barack Obama a fermare temporaneamente il progetto, ma il nuovo presidente Donald Trump ha ordinato la ripresa dei lavori.

Mosca reagirà se la scelta di aumentare il bilancio Usa per la Difesa verrà portata avanti, così come annunciato da Donald Trump che ha parlato di un incremento del 10%, pari a 54 miliardi di dollari. "Per ora si tratta di retorica pura - ha detto Leonid Slutsky, capo commissione Esteri della Duma -. Ma se il budget militare americano verrà aumentato allora reagiremo".

L'amministrazione Trump starebbe valutando se gli Stati Uniti debbano abbandonare il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, accusato di essere parziale nei confronti di Israele e criticato per aver ammesso governi responsabili di abusi. Fonti anonime hanno precisato che gli Stati Uniti parteciparanno alla prossima sessione del Consiglio, ma ci si si sta interrogando sul valore della partecipazione Usa al Consiglio per i diritti umani.

"Con un tocco di disperazione il presidente Trump ha insistito sul fatto di essere l'unico a poter risolvere le cose. Quello che finora l'America ha visto è un'inetta Casa Bianca guidata da un 'celebrity apprentice'". A dedicare parole al vetriolo al tycoon è il New York Times, che nel suo board editoriale gioca con il nome dello show che Trump conduceva. "Non ha ereditato un caos da Obama, ma un Paese che si è ripreso dalla recessione", ha aggiunto.                                          

L'amministrazione Trump ha deciso di non difendere più davanti alla giustizia la posizione di Obama sugli studenti transgender. Erano le linee guida secondo cui ognuno può usare bagni o spogliatoi non secondo il sesso di nascita ma secondo la propria identità di genere. Ad agosto una corte distrettuale del Texas aveva però bocciato la decisione dopo una causa intentata da una decina di Stati Usa.

Vi informiamo che utilizziamo dei cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione. Maggiori informazioni sono sulla pagina privacy.Grazie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information