Il programma di Taobuk sarà molto ricco anche nei prossimi giorni. Il clou della giornata di  lunedì, è stato in piazza IX aprile alle 21 quando sul palcoè salitala regina della comicità e delle sberleffo: Luciana Littizzetto che ha presentato il suo ultimo libro: “La bella addormentata in quel posto”. Un nuovo volume esilarante che fa riflettere sulle cose più strampalate del nostro mondo: dal ciuffo di Donald Trump alla smania tecnologica che contagia tutti. A intervistare la comica è stato lo scrittore Paolo Maria Noseda.

E dal palco oltre alle sue solite battute, Luciana Littizzetto, che è stata accolta dall'assessore regionale al Turismo Antony Barbagallo al quale ha fatto scherzosamente notare che l'orologio della piazza non era ancora stato aggiornata con l'ora legale, ha fatto anche amare riflessioni: “E’ un peccato- ha detto che molti giovani siciliani lascino questa terra per cercare fortuna all’estero. Il paradosso è che poi li ritrovi magari a Londra o in un’altra capitale a fare i camerieri e a lavorare come pazzi con meno tutele di quelle che avrebbero qui. Perdiamo le nostre migliori energie". Nel libro le cose più strampalate che la comica torinese incontra nella realtà dei nostri giorni.

Ma la giornata del festival è stata intensa partire dalle 9. All’archivio storico si è parlato di comunicazione dinamica e dinamiche della comunicazione. Un seminario promosso dall’associazione culturale Dracma Circulating Culture. Con gli interventi di Angela D’Arrigo e Grazia Salomone. Alle 12, sempre nelle sala dell’archivio storico: l’arte del coinvolgimento una conversazione con Fabio Viola coautore dell’omonimo libro e di Father and Son, il primo videogioco prodotto da un museo. A dialogare con l’autore è stato il comunicatore Sandro Garrubbo. ha moderato Angela D’Arrigo.

Alla 12 al ristorante la Baronessa, Contaminazioni Virtuose. A dialogare con lo chef pluripremiato Heinz Beck il critico enogastronomico Fernanda Ruggero.

Alle 15 al San Domenico: Il mediterraneo dei popoli e delle culture. Giancarlo Mazzuca ha dialogato con il prorettore dell’Università di Messina Pietro Perconti.

Alle 16, al San Domenico, la presentazione dell’ultimo libro di Michela Marzano: storia di una figlia e della palingenesi dell’amore che salva. Michela Marzano dialogherà con Graziella Priulla.

Alle 17 al San Domenico: Figli dell’Europa in collaborazione con L’Agenzia Nazionale Giovani. Sono intervenuti il direttore generale di Ang Giacomo D’Arrigo, lo scrittore Michele Tranquilli e il più giovane diplomatico italiano: Diego Cimino.

Alle 18 lectio magistralis di Agnes Heller filosofa ungherese : Un percorso tra i maestri del pensiero moderno.ha introdotto Francesca Gullotta. Alle 19, sempre al San Domenico conversazione tra lo chef Niko Romito e il critico Fernanda Roggero.

Alle 20 nella stesa sala il silenzio della dittatura e l’urgenza della memoria. Vite di padri e figli scomparso nell’imbuto della storia. La scrittrice Elsa Osorio ha dialogato con la giornalista Rosa Maria Di Natale

Per il settimo anno consecutivo a Taormina si ripete un importantissimo appuntamento con la letteratura. Taobuk, festival Internazionale del libro è in continua crescita ed ogni anno viene scelto un  un tema, attorno al quale prende forma il calendario di incontri, con il concorso di autorevoli scrittori, pensatori ed artisti, in un serrato fluire di idee e novità. Si susseguono incontri con scrittori di caratura mondiale, mostre, spettacoli teatrali, pièce di danza e retrospettive cinematografiche, in suggestive location, prima fra tutte il Teatro Antico, insieme ai palazzi della Città e ai grandi alberghi. L'ideatrice di questa “eccellenza siciliana" è Antonella Ferrara che nel 2011 esordì con quello che ormai è diventato l'appuntamento di punta di tutta l'Isola. Madrina, ideatrice, conduttrice, Antonella Ferrara è un vulcano di idee che ogni anno riesce a mettere in pratica per far crescere sempre più la sua creatura. “E' una grande emozione -afferma Antonella Ferrara per descrivere il nuovo appuntamento letterario- e per questa settima edizione siamo ancora più emozionati perchè trattiamo un tema dirimente che è il rapporto tra padri e figli che sarà il fil rouge dell'intera edizione. Avremo tanti ospiti illustri, tra scrittori e anche musicisti. Vogliamo che sia una splendida edizione affinchè sia una narrazione delle belle lettere. Ta le novità -prosegue Antonella Ferrara- quest'anno ci sarà la sezione Food Hub, interamente dedicata alla cultura del cibo curata da grandi nomi dell'enogastronomia. Ci sarà anche Taokids, una sezione dedicata ai ragazzi che saranno seguiti da educatori, illustratori ed intrattenitori”.

Una manifestazione così importante non poteva non avere il supporto della Regione siciliana. L'assessore regionale al Turismo Antony Barbagallo descrive così Taobuk: “ E' una delle nostre manifestazioni d'eccellenza nell'ambito dell'offerta turistica letteraria, che quest'anno coincide con i 150 anni della nascita di Pirandello. La strada degli scrittori è una delle offerte turistiche più importanti e quest'anno l'abbiamo rafforzata con Taobuk che è un grande Festival del libro. Basta fare una passeggiata per Taormina e ci si rende conto come sia inondata di libri, esposizioni di case editrici che danno la possibilità di consultare testi, acquistarli per incontrare dei personaggi straordinari della nostra storia, della nostra letteratura. E' sicuramente -conclude Barbagallo- un valore aggiunto per tutta la Regione siciliana e la sua promozione nel mondo”.

Tra gli ospiti di Taobuk, il Festival Internazionale del Libro finanziato dall'Assessorato regionale al Turismo e dal comune di Taormina, durante la serata inaugurale al Teatro antico di Taormina, c'era anche il celebre regista Gianni Amelio. Il tema di quest'anno riguarda il rapporto tra padri e figli ed il regista, originario di Catanzaro e laureatosi in filosofia presso l'Università di Messina, ha scambiato due battute in una intervista, sul tema del Festival internazionale raccontando anche uno spaccato della sua personale storia di vita.

Il Tema di Taobuk di quest'anno è “padri e figli”che offre diverse prospettive, qual è la sua?Io faccio il regista e dal primo film all'ultimo ho sempre parlato di padri e di figli. Le prospettive sono tante, le ho sciorinate in trent'anni di carriera, probabilmente da domani ne troverò altre”.

Qual è la migliore eredità che possiamo ricevere e che possiamo lasciare ai nostri figli? “Le anticipo la quarta di copertina del mio prossimo romanzo che parla di padri e figli. E' un “io” narrante che parla e dice che ci sono padri che sognano un figlio che somigli loro, io ho voluto un figlio per potergli un giorno somigliare”.

C'è un tema molto forte in Italia ed in Sicilia, quello dei migranti, lei in uno dei suoi film si è occupato di questo. Ci dice il suo pensiero sul fenomeno dei migranti? “Io mi sono occupato dei migranti nella vita non solo nel cinema. Sono figlio e nipote di un emigrante. Mio nonno è partito dalla Calabria negli anni '30 e non è mai più ritornato. Mio padre dopo la mia nascita è emigrato in Argentina per raggiungere mio nonno ed è tornato in Italia sedici anni dopo. Io sono andato da turista privilegiato perchè ero già un regista e ho presentato i film nello stesso quartiere dove mio padre aveva vissuto come, forse, i migranti di adesso vivono in Italia e in Europa”.

Quindi sì all'accoglienza e sì allo Ius Soli? “Io non ho mai avuto la possibilità di avere nemmeno una lontana e vaga somiglianza a ciò che è lo Ius Soli perchè mio padre, all'epoca, avrebbe dovuto fare, a me e mia madre, il cosiddetto atto di richiamo e non l'ha mai fatto, quindi noi siamo rimasti in Italia e lui in Argentina. Ad un certo punto, visto che non c'era il divorzio, nel momento in cui un uomo all'estero poteva fare ciò che voleva, mentre una donna in Italia non aveva diritti di nessun genere, mia madre è intervenuta in modo deciso e mio padre è stato quasi obbligato a tornare. Per fortuna entrambi i miei genitori erano giovanissimi, quindi la famiglia si è ricomposta e io ho altri tre fratelli”.

Oggi si è svolta l'ennesima riunione di Contrattazione Decentrata al Comune di Taormina e si è conclusa con un nulla di fatto. "La Fp Cgil -dichiara Francesco Fucile, segretario provinciale AA.LL.-, esprime enorme preoccupazione per la lentezza con cui procedono i lavori e per il totale stallo della situazione che determina da mesi l'impossibilità di pagare il trattamento accessorio al personale dipendente. Il Comune di Taormina -prosegue il sindacalista- non può essere unicamente lo scenario per il G7 e per tutti quelli che hanno fruito di tale vetrina, ma è assolutamente necessario che i dipendenti del Comune diventino nuovamente i protagonisti della macchina amministrativa e non solo lo strumento per raggiungere obiettivi di rilevanza internazionale. Il tempo trascorso non è più accettabile -conclude Fucile- e per questo la Fp Cgil chiede con forza di serrare i tempi della trattativa per arrivare entro qualche mese all'erogazione del salario accessorio a tutti i dipendenti aventi diritto".

Sabato 24 giugno inaugura a Taormina la settima edizione di Taobuk, il festival letterario ideato e diretto da Antonella Ferrara, dedicato quest’anno al tema “Padri & Figli”, alla trasmissione di saperi e di identità, al confronto generazionale. Al centro di Taobuk la letteratura, in dialogo con il cinema, la musica, il teatro, le arti visive, il grande giornalismo e l'enogastronomia.

Scrittori, giornalisti, filosofi, artisti, esponenti della società civile e politica, sia italiani sia internazionali, parteciperanno a incontri, tavole rotonde, momenti musicali e di spettacolo, reading, mostre di fotografie, botteghe del gusto, itinerari turistici, proiezioni di film.

Durante la serata, ad ingresso libero, verranno conferiti i Taobuk Awards, riconoscendo a ciascuno dei premiati un particolare legame con i temi del dialogo tra passato e presente, del confronto generazionale, dell’impegno sociale e civile.

I Taobuk Awards for Literary Excellence andranno a due scrittori: l’israeliano Abraham Yehoshua, considerato il massimo esponente della letteratura israeliana contemporanea, il cui pensiero ha attinto spesso dai valori fondativi dei Padri, con un’attenzione particolare al rapporto tra gli intellettuali e i maestri del pensiero; lo scrittore italiano Domenico Starnone, uno dei più autorevoli esponenti del mondo culturale che ha dedicato grande attenzione al processo dialettico che lega maestro e discepolo, e alla missione dellinsegnante nella sua accezione più alta.

Il Taobuk Award all’impegno civile verrà assegnato al procuratore e saggista Nicola Gratteri, che con la sua azione di magistrato ha dimostrato quanto la cultura della legalità possa ancor oggi essere uno strumento potente, posto al servizio della collettività, mentre Gianni Amelio, uno dei più apprezzati registi italiani, riceverà il Taobuk Award per il film “La tenerezza”, per aver toccato con grande sensibilità, anche in questa ultima sua produzione, temi come il confronto generazionale e i rapporti tra genitori e figli.

Luigi Lo Cascio, attore, autore e regista di cinema e teatro tra i più autorevoli del panorama non solo nazionale, riceverà il Premio Una vita per l’arte e ricorderà il maestro di Girgenti, nellanno in cui ricorre il centocinquantenario della nascita del grande scrittore e drammaturgo, leggendo un brano tratto da Uno, nessuno e centomila. Prendendo spunto dal tema del festival leggerà inoltre la poesia Al Padre di Salvatore Quasimodo.

La serata prevede infine la partecipazione straordinaria di Christian De Sica, figlio di Vittorio, icona internazionale del cinema italiano, padre e maestro del neorealismo, che riceverà il Premio per la sua interpretazione drammatica in Fräulein di Caterina Carone.

Il soprano Daniela Schillaci aprirà la serata con l’esecuzione dell’aria Casta diva dalla Norma di Vincenzo Bellini. Nel corso dell’evento, il soprano Laura Giordano canterà O mio babbino caro di Giacomo Puccini.

A concludere la cerimonia sarà invece l’artista israeliana Noa che si esibirà in concerto con l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, diretta dal maestro Domenico Sanfilippo.

La serata sarà condotta dal giornalista del Tg1-RAI Alessio Zucchini e da Antonella Ferrara, Presidente Taobuk. Danno il proprio contributo al format della serata gli autori Federico Zatti e Valerio Callieri, il Direttore della fotografia Gianluca Fiore e il Direttore di scena Sara Scotti.

I militari della Compagnia di Taormina unitamente ai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del lavoro di Messina e a quelli del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Catania hanno effettuato, una serie di controlli presso gli esercizi commerciali nel Comune di Giardini Naxos, Letojanni ed in quello di Taormina al fine di accertare eventuali mancanze igienico-sanitarie e verificando al contempo le diverse posizioni lavorative dei dipendenti all’interno delle strutture menzionate.

Personale del N.I.L. di Messina ha verificato nei diversi locali 6 posizioni lavorative denunciando in stato di libertà tre datori di lavoro, rei di aver istallato ed utilizzato impianti di videosorveglianza senza prevista autorizzazione rilasciata dagli organi competenti. Comminate ammende inoltre per circa 5000 euro. Nell’ambito della medesima attività è stata individuata una lavoratrice in nero su tre presenti; in questo caso è stato adottato il provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale contestando sanzioni amministrative pari a 2000 euro. In  unaltro esercizio sono stati individuati due lavoratori in nero su tre ed anche in questo caso è stato adottato il provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale e contestate sanzioni amministrative pari a 2000 euro. Alle suddette ditte sono state contestate ulteriori sanzioni amministrative per lavoro nero ed omessa comunicazione di assunzione.

I Militari del Nas di Catania, nell’ambito dei controlli finalizzati alla verifica della corretta applicazione delle norme sanitarie , hanno contestato a pub, bar, ristoranti, violazioni igienico sanitarie di cui all’articolo 6 comma 5 e art 6 comma 6 del decreto legislativo 193/2007 per l’importo complessivo di 3000 euro.

Shopping serale di Zinedine Zidane a Taormina. L'allenatore del Real Madrid è stato in vacanza nella Perla dello Ionio e ha fatto anche una passeggiata sul corso Umberto, il "salotto buono" della città.
Ovviamente la sua presenza non è passata inosservata, e tanti appassionati di calcio lo hanno avvicinato. Per lui anche i complimenti di molti tifosi della Juventus, nonostante l'amara serata di Cardiff per la finale di Champions League. Zidane ha visitato diversi negozi per curiosità e shopping. Compreso quello di una nota casa di moda e dell'amico antiquario, Antonio Lo Turco. Quest'ultimo aveva conosciuto il campione ad Ibiza in un ristorante di proprietà di comuni amici. Zidane è ospite di una rinomata struttura alberghiera e rimarrà ancora a Taormina per qualche giorno perché rimasto incantato delle bellezze del centro siciliano.

I militari della Stazione Carabinieri di Letojanni, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 56enne taorminese per atti persecutori. L’uomo, separato dalla compagna, era stato denunciato ben due volte per stalking, ma ha continuato imperterrito a perseguitare l'ex compagna. La vittima insultata e seguita dall’ex con lo scooter per l’ennesima volta, è stata costretta a rifugiarsi presso i locali della Stazione Carabinieri di Letojanni. All’interno del Comando Carabinieri è arrivato successivamente anche l’uomo. I carabinieri lo hanno quindi arrestato e  l'Autorità Giudiziaria di Messina ha emesso una misura cautelare di divieto di avvicinamento alla vittima e ai luoghi frequentati dalla stessa.

Nel secondo episodio di violenza avvenuto a Taormina, ventiquattrenne del posto, ha richiesto l’intervento di una pattuglia dell’Arma, in quanto aggredita dall’ex convivente che in quel momento si trovava comunque davanti alla sua abitazione. L’uomo, dopo aver bussato al campanello di casa, si è introdotto all’interno dell’abitazione. La madre sentendo gridare la figlia si è precipitata nelle scale dove ha visto la propria congiunta, con il volto pieno di sangue spingere l’uomo verso il portone d’ingresso. I militari dopo aver provveduto a far visitare la donna, che è stata dimessa con una prognosi di più giorni per diverse contusioni di cui quella della regione nasale,  hanno rintracciato l’uomo che poco dopo è stato tratto in arresto.

Taobuk, il Festival Internazionale del libro, giunto alla settima edizione, si terrà a Taormina da sabato 24 a mercoledì 28 giugno 2017, e avrà come centro la letteratura, in dialogo con il cinema, la musica, il teatro, le arti visive, il grande giornalismo e l'enogastronomia. Scrittori, giornalisti, filosofi, artisti, esponenti della società civile e politica, sia italiani sia internazionali, parteciperanno a incontri, tavole rotonde, momenti musicali e di spettacolo, reading, mostre di fotografie, botteghe del gusto, itinerari turistici, proiezioni di film, corsi di scrittura.

Il tema di questa edizione è "Padri & Figli". Cosa abbiamo ricevuto in eredità e cosa vogliamo rendere alle generazioni future, in quel delicatissimo passaggio del testimone che si chiama civiltà? 'Chi sono' ergo 'da dove vengo'? Sono solo alcune delle domande attorno a cui ruoterà il tema della prossima settima edizione di Taobuk, che affronterà la questione della trasmissione di saperi e identità, laddove la figura del padre è intrinsecamente correlata a quella del maestro.

Sabato 24 giugno, alle ore 20,30, nel Teatro Antico di Taormina, si svolgerà l’inaugurazione di Taobuk. La serata prevede la cerimonia di consegna dei Taobuk Awards, quest’anno assegnati agli scrittori Abraham Yehoshua e Domenico Starnone (Taobuk Award for Literary Excellence), al magistrato e saggista Nicola Gratteri (Taobuk Award all’impegno civile), al regista Gianni Amelio (Taobuk Award per il film "La tenerezza"), agli attori Luigi Lo Cascio (Premio Una vita per l’Arte) e Christian De Sica (Premio come protagonista del film "Fräulein").

Il soprano Daniela Schillaci aprirà la serata con l’esecuzione dell’aria Casta diva dalla Norma di Vincenzo Bellini. A concludere la cerimonia sarà invece l’artista israeliana Noa che si esibirà in concerto con l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, diretta dal maestro Domenico Sanfilippo. La serata sarà condotta dal giornalista del Tg1-RAI Alessio Zucchini e da Antonella Ferrara, presidente Taobuk. Danno il proprio contributo al format della serata gli autori Federico Zatti e Valerio Callieri, il direttore della fotografia Gianluca Fiore e il direttore di scena Sara Scotti.

Tra i numerosi ospiti protagonisti delle giornate del festival: gli editori Stefano Mauri, Giuseppe Laterza, Antonio Sellerio, Giovanni Hoepli e Luca De Michelis; Paola Gribaudo, Albertina Bollati, Paola Bassani in dialogo con Vittorio Bo, l’editrice e fotoreporter Inge Feltrinelli, l’ex direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura a Parigi Marina Valensise, lo chef Carlo Cracco, lo psicoanalista Luigi Zoja, lo scrittore Abraham Yehoshua, la regista, sceneggiatrice e scrittrice Cristina Comencini, il dj e conduttore di Radio Capital Giancarlo Cattaneo e il regista, produttore radiofonico Maurizio Rossato con lo spettacolo live Parole Note, un format tra musica e parole (domenica 25 giugno).

La progettista culturale Angela D’Arrigo, l’archeologa Grazia Salamone, il gamification designer Fabio Viola, la pianista, madre di Carla e Valeria Bruni Tedeschi, Marisa Bruni Tedeschi, il giornalista Giancarlo Mazzucca, la saggista Michela Marzano, la filosofa Agnes Heller, gli chef Heinz Beck e Nico Romito, la scrittrice Elsa Osorio, l’attrice Luciana Littizzetto (lunedì 26 giugno).

Viviana Mazza, Luigi Garlando, Alberto Pellai, Barbara Tamborini, il giornalista Alan Friedman, gli scrittori Roberto Alajmo, Antonio Dikele Distefano, il musicologo Gioacchino Lanza Tomasi, il prefetto Fabio Carapezza Guttuso, le stiliste Maria Caruso, Marella Ferrera e Gabriella Ferrera, lo storico Luciano Canfora (martedì 27 giugno).

Gli scrittori Arturo Belluardo, Simona Sparaco, Anna Giurickovic Dato, Sergio Del Molino, Lucia Scuderi, Silvana Grasso, Fausto Brizzi, Ildefonso Falcones; il business gardener Alessandro Costantino, il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Messina Vincenzo Ciraolo, l’Assessore Regionale ai Beni Culturali Carlo Vermiglio, gli avvocati Pietro e Carlo Carrozza, il giurista Gaetano Silvestri, il professore di Diritto Costituzionale dell’Università di Messina Antonio Saitta, lo chef Ciccio Sultano, gli scrittori Filippo Nicosia, Matteo Collura, Anna Maria Sciascia, l’autore e regista teatrale Claudio Pirandello, il cantante Piero Pelù e il regista Cosimo Damiano Damato(mercoledì 28 giugno).

Gli amanti della buona cucina lunedì 12 giugno a partire dalle 18 a Taormina avranno l’imbarazzo della scelta. Taormina, per un giorno, si trasformerà in una fiera della grande cucina. Una rassegna dei grandi chef dove si potranno gustare piatti di alta cucina. E tra i 150 chef presenti sul corso ci sarà anche Pasquale Caliri del Marina del Nettuno. Caliri preparerà un piccolo assaggio d’arte gastronomica  in omaggio al grande maestro Gualtiero Marchesi. Un piatto pensato dallo chef del Marina Del Nettuno di Messina per  “Cibo Nostrum” la manifestazione che vedrà impegnati a Taormina oltre centocinquanta chef italiani.

Passatina di ceci, gamberi di Mazzara, cozze dei Laghi di Ganzirri e vongole per rivisitare un grande piatto che fu opera del grande genio della cucina italiana di cui Caliri è stato allievo. Il piatto si rifà alle opere pittoriche di Jackson Pollock, patre della tecnica del “Dripping” ,  che si ottiene  sgocciolando in movimento getti di inchiostro sulla tela.

Dall’inchiostro alle salse, sul piatto vengono tuffate in modo casuale schizzi di nero di seppia, pesto di basilico e salsa di pomodoro su una tela di passatina di ceci, crostacei e frutti di mare. Nel piatto originale di Marchesi c’erano invece calamaretti e maionese come era in voga in quegli anni. “Una rivisitazione che parla in siciliano – dice Caliri – come tutta la mia cucina che ha una forte impronta isolana e che nel contempo vuole creare quell’allineamento ideale di arte e cucina. L’arte infatti, come la cucina è capace non solo  di suscitare emozioni ma anche di rievocarle da passati dimenticati”

Agli ospiti della manifestazione che nella giornata di lunedi transiteranno lungo il corso di Taormina sarà offerto un piatto degustazione. “Un piatto – ci spiega lo chef – che mai sarà uguale all’altro, perché proprio come su un quadro le salse sgocciolanti creeranno inedite armonie. Il connubio tra arte, cucina ed emozione è spesso presente nei lavori dello chef siciliano che va ottenendo sempre piu’ numerosi consensi di critica e di pubblico che citando Bromley sostiene come “scegliamo di mangiare sempre meno per sfamarci e sempre più per emozionarci”.

Quello di Taormina è un segmento di “Cibo Nostrum” una kermesse di tre giorni che prenderà avvio domani domenica 11 giugno e vedrà impegnate anche altre località come Zafferana Etnea. La parentesi taorminese è denominata “Taormina Cooking Fest”, la Grande Festa della Cucina Italiana, prenderà il via lungo il corso Umberto, dando vita ad una passeggiata tra sapori, aromi e colori, con cooking show degli oltre cento Chef protagonisti e numerose degustazioni di vini delle più importanti cantine siciliane. Quanti si abbandoneranno a questo viaggio suggestivo, potranno infatti degustare piatti emozionanti ed assaggiare vini del territorio. Anche quest'anno il ricavato della giornata taorminese sarà devoluto in beneficenza alla Fondazione LIMPE per il Parkinson ONLUS. (https://www.fic.it/news/tutte-le-news/93-cibo-nostrum-2017).

Vi informiamo che utilizziamo dei cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione. Maggiori informazioni sono sulla pagina privacy.Grazie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information