Prima vittoria in campionato per la Waterpolo Messina che a Cosenza recupera quattro gol di svantaggio e poi firma il clamoroso sorpasso vincendo per 8-5. Un successo cercato, voluto e difeso con i denti quello della squadra di Misiti che bissa quanto fatto in Eurolega contro il Nikar. Nonostante la falsa partenza, le peloritane non si sono disunite attendendo il momento giusto per reagire. Dopo il gol di De Vincentiis, giunto al termine della seconda frazione, e fino alla conclusione del match è stato un monologo delle giallorosse che hanno infilato l’ex Giulia Gorlero per sei volte consecutivamente, difendendo con ordine e grinta sui possessi silani. La vittoria restituisce serenità alla Waterpolo Messina e premia, indubbiamente, il lavoro del tecnico Misiti. Cosenza va sul 2-0 con le sorelle Motta. Nel mezzo un rigore fallito da Zhao. Vanno in gol De Cuia, Amedeo con l’uomo in più, poi Kuzina e De Mari. Il largo vantaggio, però, non esalta le silane che, anzi, cadono sotto i colpi della Waterpolo Messina, diventata, di colpo, impenetrabile in difesa. Segna De Vincentiis ma le peloritane offrono il meglio del repertorio dopo l’intervallo lungo. In meno di tre minuti D’Amico, Radicchi e Amedeo pareggiano i conti. Nell’ultimo tempo ci si aspetta l’arrembaggio del Cosenza che fallisce una doppia superiorità per riportarsi avanti. E’ il chiaro segnale di una giornata storta che la Waterpolo Messina traduce in realtà segnando, in superiorità, con Brown il gol del sorpasso mentre la cinese Zhao realizza le reti della sicurezza. Finisce con le peloritane abbracciate nella vasca di Cosenza, complimentate dal tecnico locale Marco Capanna. Soddisfatto Francesco Misiti, allenatore della Waterpolo Messina:“ La vittoria è importante per il morale e per come è arrivata. Faccio i complimenti alle mie ragazze per l’ottima prestazione. Il campionato è ancora lungo ma successi come quello di oggi motivano il gruppo e incoraggiano il lavoro settimanale. La squadra è in crescita come, peraltro, aveva dimostrato nelle partite di Eurolega”.

TABELLINO- Città di Cosenza-Messina 5-8 (2-0, 3-2, 0-3, 0-3)

Città di Cosenza: Gorlero, Citino, Greco, De Mari 1, Motta S. 1, De Cuia 1, Kuzina 1, Nicolai, Di Claudio, Presta, Motta R. 1, Nisticò, Sena. All. Capanna.

Messina: Sotireli, De Vincentiis 1, Bonanno, Amedeo 2, Brown 1, Radicchi 1, D'Amico 1, Rella, Zhao 2, Majolino, Atigue, Misiti, Celona. All. Misiti.

Arbitri: Navarra e Scappini.

Superiorità numeriche: Cosenza 0/4, Messina 5/9 + un rigore.

Note: Gorlero (C) para un rigore a Zhao nel primo tempo.

Questi i risultati della sesta giornata : Bogliasco- Ekipe Orizzonte Catania 5-9, Plebiscito Padova- Milano 7-6, Sis Roma – Rapallo 14-9. Riposa Firenze.

Classifica A/1 F: Ekipe Orizzonte Ct 13, Padova 12, Milano e Rapallo 9, Sis Roma e Bogliasco 8, Florentia 4, Waterpolo Messina e Cosenza 3.

 

Missione compiuta per la Waterpolo Messina che centra la qualificazione alla fase successiva di Eurolega, in programma dal 19 al 21 gennaio, in una sede ancora da stabilire. Obiettivo raggiunto con l’impegno e con buone qualità tecnico-tattiche. L’auspicio è che, adesso, questo risultato possa avere risvolti positivi anche in campionato perché la squadra di Francesco Misiti, nonostante le difficoltà, ha dimostrato di essere in grande crescita.
Nell’ultima giornata del girone eliminatorio, la Waterpolo Messina ha dato filo da torcere alle russe dell’Ugra, salvo arrendersi nell’ultimo quarto come già successo altre volte nel corso della stagione e, per non andare troppo lontano, anche il giorno precedente con le catalane del Sant Andreu che, oggi, hanno vinto, agevolmente, con le tedesche del Nikar Heidelberg.
Soddisfatto Felice Genovese, presidente della Waterpolo Messina:
“ Abbiamo avuto l’onore di ospitare questa fase di Eurolega e siamo contenti del risultato complessivo, quello organizzativo e, ovviamente, quello strettamente agonistico, dimostrando che abbiamo un gruppo sano che può solo crescere”.
Sulla stessa lunghezza d’onda il tecnico Misiti: Abbiamo fatto un buon girone, vincendo contro le tedesche e giocando alla pari con le altre due, sulla carta più dotate. Con le spagnole ha pesato l’espulsione di Zhao, con le russe abbiamo patito un po’ la fisicità e le poche rotazioni. Sul piano del gioco abbiamo fatto bene. La qualificazione ci consentirà di fare altre esperienze e di migliorare l’amalgama considerando che la squadra gioca insieme soltanto da un paio di mesi”.

Tra le giocatrici più positive dell’intero girone c’è, ma non poteva altrimenti, il capitano delle giallorosse Federica Radicchi (foto): “ Nonostante le due sconfitte, sono contenta delle prestazioni offerte dalle mie compagne che si sono battute, lottando fino alla fine. Per molte di loro, alla prima esperienza europea, c’è da essere solo soddisfatti, orgogliosi e felici”.
TABELLINO – UGRA KHANTY M.- WP MESSINA 10-7 (2-1, 3-4, 1-1, 4-2)
Ugra Khanty Mansiysk: Pershina, Isakova 1, Kuzhileva, Shaydullina, Ermakova, Zhang 3, Koryaakina, Leonova 1, Timofeeeva 1, Zavyalova, Alogbo 1, Khokhlova 3, Stepakhina. All. Petrova.
Wp Messina: Sotireli, De Vincentiis , Bonanno, Amedeo, Brown Radicchi 3, D'Amico , Rella, Zhao 3, M. Misiti, Atigue, Mantellato 1, Celona. All. Misiti.
Arbitri: Dutilh-Dumas (Ola) e Savinovic ( Cro).
Questi i risultati del girone di Messina:
Venerdì 1/12/2017
Wp Messina-Nikar Heidelberg 17-11, Sant Andreu-Ugra Khanty Mansiysk 7-8
Ieri
Wp Messina- Sant Andreu 10-13, Ugra Khanty Mansiysk- Nikar Heidelberg 15-10
Oggi
Cn Sant Andreu- Nikar Heidelberg 17-9, Ugra Khanty Mansiysk-Wp Messina 10-7
Classifica finale Ugra Khanty Mansiysk 9, Sant Andreu 6, Waterpolo Messina 3, Nikar Heidelberg 0.

La Waterpolo Messina accarezza il sogno di una seconda vittoria in Eurolega. Contro il Sant Andreu, la squadra di Misiti gioca bene e mette in crisi le avversari per un tempo e mezzo. Alla fine, però, è costretta ad arrendersi alle maggiori rotazioni delle spagnole, in rete con otto giocatrici diverse. Determinante nell’economia della partita, con il punteggio in bilico (9-9), l’espulsione della cinese Zhao, sorpresa dagli arbitri a scalciare un’avversaria. Fino a quel momento era stata una delle migliori con quattro gol all’attivo. La sconfitta, tuttavia, lascia immutate le possibilità di qualificazione alla fase successiva delle peloritane.
Nell’altro incontro di giornata le russe dell’Ugra hanno vinto 15-10 contro le tedesche del Nikar Heidelberg. Domani ultima giornata di gare nella piscina coperta dei Cappuccini.
TABELLINO – WP MESSINA-SANT ANDREU 10-13 (5-2, 3-6, 1-1, 1-4)
Wp Messina: Sotireli, De Vincentiis 1, Bonanno, Amedeo, Brown Radicchi 2, D'Amico 2, Rella, Zhao 4 ( 1 rig), M. Misiti, Atigue, Mantellato 1, Celona. All. Misiti.
Sant Andreu : Sanchez Gonzalez, Williams 1, Castella Coll, Guiral Vilato 1, Morell Espiganosa 1, Arizo Ruiz, Janckovic 2,Sleeking 2, Sanchez Perez, Dalmases Zurita 2, Crespi Barriga 2, Aznar Diez 2, Nieto Jasny. All. Aznar
Arbitri: Uz e Dutilh-Dumas.

 

Prima vittoria stagionale per la Waterpolo Messina che nella giornata inaugurale dell’Eurolega supera 17-11, nella piscina coperta dell’impianto Cappuccini, le tedesche del Nikar Heidelberg mettendo una seria ipoteca sul passaggio alla fase successiva della manifestazione. Gara in bilico solo nel primo parziale concluso in parità poi le peloritane hanno fatto valere il tasso tecnico superiore come dimostra il punteggio finale. Grande protagonista la cinese Zhao, autrice di sei gol, ma tutta la squadra ha risposto alle aspettative dell’allenatore peloritano. Bene anche la brasiliana Mantellato che, nonostante una preparazione non ottimale, è entrata nel tabellino con tre reti. Nell’ultimo parziale spazio a tutte le giocatrici della panchina e debutto continentale per le giovanissime Celona, Misiti e Atigue.
Nell’altro incontro di giornata le russe dell’Ugra hanno vinto col minimo scarto, 8-7, contro le spagnole del Sant Andreu. E domani, alle 18.00. la Waterpolo Messina giocherà proprio contro le catalane.
TABELLINO – WP MESSINA-NIKAR HEIDELBERG 17-11 ( 3-3,5-2,7-2,2-4)
Wp Messina: Sotireli, De Vincentiis 1, Bonanno, Amedeo 1, Brown 2, Radicchi 1, D'Amico 3, Rella, Zhao 6 ( 1 rig), M. Misiti, Atigue, Mantellato 3, Celona. All. Misiti.
Nikar Heildelberg: Santasusana, M.Weber, Kostruba 3,I.Deike, Klix, G.Deike,K.Weber, Stiefel 3, Daube 4, Zimmermann 1, Kreis. All. Van Der Bosch
Arbitri: Uz e Savinovic.

La Waterpolo Messina saluta la Coppa Italia. Dopo la sconfitta maturata con l’Ekipe Orizzonte Catania, la squadra peloritana è stata battuta dal Cosenza per 11-7 nel match decisivo per determinare la seconda qualificata alla fase successiva della manifestazione. In mattinata, infatti, le silane erano state superate dalle etnee che si sono piazzate al primo posto del raggruppamento.
La prestazione offerta dalla Waterpolo Messina è stata di buon livello nel secondo e terzo parziale. Male, invece, il primo e anche l’ultimo.
L’approccio delle padrone di casa è molle e l’errore di Amedeo davanti al portiere ha un pesante effetto collaterale. Cosenza, infatti, ne approfitta e martella l’ex Sotireli con Kuzina, Di Claudio e due volte con Silvia Motta, implacabile dalla distanza. La Waterpolo Messina reagisce nel secondo tempo, dimezzando lo svantaggio con D’Amico e Zhao. La partita è più equilibrata e le giallorosse sembrano avere una marcia in più. Dopo le reti di Luna Di Claudio, Radicchi e Nicolai, si scatena Amedeo che, riscattando la mancata occasione di inizio partita, realizza una doppietta. Per le peloritane il gol da recuperare è, adesso, uno soltanto. Cosenza fiuta il pericolo e si riporta avanti di tre con Citino e Silvia Motta. Il capitano Radicchi e ancora Amedeo riportano sotto la Waterpolo Messina. A stroncare i sogni di rimonta un gol sulla sirena della solita Motta. Le giallorosse non hanno più la forza per reagire e Cosenza chiude con le reti dell’ex Kuzina e Roberta Motta, staccando il pass per la seconda fase di Coppa Italia.

Il tecnico Francesco Misiti analizza così le due partite di Coppa Italia: “ Sostanzialmente sono soddisfatto per come le ragazze hanno giocato contro avversari più dotati. Non mi è piaciuto il fatto che contro il Cosenza abbiamo buttato via un tempo prima di reagire. E a questi livelli non te lo puoi permettere anche perché lo sforzo, alla lunga, si paga. Adesso ci concentreremo sulle partite di Eurolega misurandoci con realtà estremamente diverse dalle nostre”.

TABELLINO – COSENZA- WP MESSINA 11-7 ( 4-0,2-5, 3-2,2-0 )
Città di Cosenza: Gorlero, Citino 1, Nisticò, De Mari, S. Motta 4, De Cuia, Kuzina 2, Nicolai 1, Di Claudio 2, Presta, R. Motta 1, Garritano, Sena. All. Capanna.


Messina: Sotireli, De Vincentiis, Bonanno, Amedeo 3, Brown, Radicchi 2, D'Amico 1, Rella, Zhao 1 (rig.), M. Misiti, Atigue, Majolino, Celona.

All. Misiti.
Arbitri: Collantoni e Petronilli.

Sup. num: Città di Cosenza 2/3, Messina 3/5 + 1 rig.

Nella prima partita di Coppa Italia del raggruppamento C, le peloritane sono state battute 11-6 dall’Ekipe Orizzonte Catania, la squadra che in questa stagione è la favorita per la conquista del titolo italiano. Le peloritane sono state in partita e hanno contenuto il passivo, confermando la crescita di gioco e di condizione fisica. Debutto, infine per tre delle giovanissime, Marta ( 13 anni !) e Francesca Misiti, figlie del tecnico messinese, e per Sarah Atigue. Il nuovo corso della Waterpolo Messina parte anche dalla valorizzazione del vivaio. Oggi le giallorosse, alle 17.00, sempre alla piscina Cappuccini affronteranno il Cosenza nel match che deciderà l’accesso alla fase successiva della manifestazione, in programma il 6 e 7 gennaio. In mattinata, invece, lo scontro tra Ekipe Orizzonte e le silane.
La Waterpolo Messina parte forte e si porta sul 2-0 grazie a D’Amico e Zhao. Poi, a cavallo tra il primo e il secondo parziale, l’Ekipe Orizzonte segna quattro volte di fila. Dopo i gol di D’Amico e Riccioli,le etnee vanno all’intervallo lungo sopra di due. Vantaggio incrementato nel terzo parziale e limitato dalla messinesi nell’ultimo tempo. Da segnalare un rigore parato dall’ottima Sotireli a Bianconi e l’esordio delle tre giovani del vivaio. La Waterpolo Messina chiude con una sconfitta ma la qualificazione è ancora possibile a patto che le peloritane centrino l’impresa contro Cosenza.

TABELLINO – WP MESSINA-EKIPE ORIZZONTE CT 6-11 (: 2-1, 3-4, 1-3, 2-3 )

Waterpolo Messina: Sotireli, De Vincentiis, Bonanno, Amedeo 1, Brown, Radicchi 1, D'Amico 2, Rella, Zhao 2 (1 rig.), M. Misiti, Atigue, F. Misiti, Celona. All. Misiti

L'Ekipe Orizzonte: Palm, Ioannou, Garibotti 2, Bianconi 2, Aiello 1, Grillo 1, Santapaola, Marletta 2, Van der Sloot, Morvillo, Riccioli 3, Lombardo, Schillaci. All. Miceli

Arbitri: D'Antoni e Petronilli.

Sotireli (Messina) para un rigore a Bianconi nel terzo tempo. Brown uscita per tre falli nel terzo tempo. Superiorità numeriche: Messina 2/7 + 1 rigore e Orizzonte 4/8 + 1 rigore.

La Waterpolo Messina perde a Firenze per 12-9 lo scontro diretto per la salvezza. Risultato bugiardo perché le peloritane hanno lottato alla pari con le padrone di casa, pagando, più che altro, la panchina corta e la precisione delle toscane nelle azioni in superiorità ( 75%, fatto più unico che raro). Gara decisa nell’ultimo quarto con la Waterpolo Messina costretta a fare a meno di Federica Radicchi, uscita per tre falli. Senza la sua guida in acqua, la squadra giallorossa non è riuscita a concretizzare alcune buone opportunità anche per le parate del portiere toscano Banchelli. E alla lunga la Florentia ha sfruttato al meglio le opportunità che le sono capitate. Adesso la Waterpolo Messina osserverà un turno di riposo in campionato e tornerà in acqua nel prossimo week-end per la Coppa Italia, ultimo appuntamento prima delle sfide di Eurolega in programma nella città dello Stretto tra il 1 e il 3 dicembre.
La Waterpolo Messina segna in superiorità numerica con Radicchi il primo gol della partita ma subisce la reazione della Florentia che va a segno due volte con Lapi e una con Bartolini. Ancora Radicchi con l’uomo in più, poi Lapi e Zhao. Il minimo vantaggio per le toscane dura poco. Nel secondo parziale, in meno di due minuti, la Waterpolo Messina va in gol tre volte con la cinese Zhao, autrice di una doppietta, e Brown. Le padrone di casa rimontano con Bartolini e Cotti che segnano in superiorità. Si va, quindi, all’intervallo lungo in parità. Dopo i gol di Rorandelli e Radicchi, la Florentia prende un leggero vantaggio con Sorbi e Bartolini. Il capitano della Waterpolo Messina segna l’ultimo gol della frazione rimandando tutto all’ultimo quarto. Le peloritane, però, non riescono più ad incidere, perdono Radicchi per tre falli e subiscono altri due gol in superiorità. Le reti di Cotti e Bartolini valgono, infatti, il successo toscano. Amedeo chiude i giochi con un gol dal centro ma non basta per riaprire la partita.
Così il tecnico della Waterpolo Messina Francesco Misiti “ Non si può mai essere soddisfatti nel commentare una sconfitta, però, la mia squadra, a dispetto del punteggio, è stata nel match fino all’ultimo quarto. L’uscita di Radicchi ci ha penalizzato ed è così che, alla fine, si spiega il risultato finale. Le ragazze hanno dato tutto e le più giovani stanno maturando nelle difficoltà. Continuando
così prima o poi centreremo un risultato favorevole”.

TABELLINO- RN FLORENTIA-WATERPOLO MESSINA 12-9 ( 4-3,2-3, 3-2,3-1)
RN FLORENTIA: Banchelli, Rorandelli 1, Boyer, Cordovani, Cotti 2, Lapi 3, Sorbi 2, Francini, Curandai, Giannetti, Cortoni, Bartolini 4, Perego. All. Sellaroli.
WATERPOLO MESSINA: Sotireli, De Vincentiis, Bonanno, Amedeo 1, Brown 1, Radicchi 4, D'Amico, Rella, Zhao 3 (1 rig.), Misiti, Antigue. All. Misiti
Arbitri: D. Bianco e Filippini.
Uscita per limite di falli Radicchi(Wp Messina) nel quarto tempo.  Superiorità numeriche: Rari Nantes Florentia 6/8, Waterpolo Messina 2/8 più rigore.
Questi i risultati della quarta giornata :Bogliasco- Plebiscito Padova 4-6, Sis Roma - Ekipe Orizzonte Catania 6-6, Cosenza- Milano 6-5. Riposa Rapallo
Classifica A/1 F: Padova 9, Bogliasco e Ekipe Orizzonte Ct 7, Rapallo e Milano 6, Sis Roma 5, Florentia e Cosenza 3, Waterpolo Messina 0.

Scontro salvezza per la Waterpolo Messina. Alla ripresa del massimo campionato femminile, la squadra di Francesco Misiti, oggi con inizio alle 15.00, è attesa dalla trasferta di Firenze, gara non decisiva ma, ovviamente, importante per le peloritane. A differenza delle avversarie, che hanno giocato nello scorso week-end la Fin Cup, la Waterpolo Messina è rimasta inattiva per una settimana. Un problema in più per una formazione che stava trovando i giusti automatismi come

hanno dimostrato le prove casalinghe contro Rapallo e Bogliasco. Nel gruppo giallorosso anche la giovane Giorgia Amedeo, rientrata dallo stage con la nazionale italiana under 17. La prossima settimana, invece, toccherà ad Agnese D’Amico rispondere alla convocazione del Ct Fabio Conti per il collegiale del Setterosa. Dopo l’impegno contro la Florentia, la Waterpolo Messina osserverà il turno di riposo imposto dal calendario e tornerà in vasca per il girone eliminatorio di Eurolega , in programma nella città dello Stretto dal 1 al 3 dicembre. Così il tecnico Francesco Misiti alla vigilia del match contro le fiorentine: “ Sarà una partita combattuta tra squadre che vogliono cancellare lo zero in classifica. Speriamo di confermare i progressi di gioco evidenziati nelle ultime partite. La stagione è ancora lunga, ritengo, pertanto, che la gara non sarà decisiva in chiave salvezza”.

Queste le gare della quarta giornata :Bogliasco- Plebiscito Padova, Sis Roma - Ekipe Orizzonte Catania, Cosenza- Milano. Riposa Rapallo

Classifica A/1 F: Bogliasco 7, Ekipe Orizzonte Ct, Padova, Rapallo, Milano 6, Sis Roma 4, Waterpolo Messina, Florentia e Cosenza 0.

 

 

 

La Waterpolo Messina cede in casa di misura, 7-6, davanti al più quotato Bogliasco, al termine di una partita ricca di colpi di scena e di errori arbitrali che, alla distanza, hanno penalizzato la formazione giallorossa.  Dopo due tempi quasi perfetti, la squadra peloritana va all’intervallo lungo sopra di tre reti ma non basta per ottenere il primo successo in campionato. A fare il resto la reazione del Bogliasco, oggi in giornata no e vincente solo ad una manciata di secondi dalla conclusione, e le valutazioni soprattutto di uno dei due fischietti, l’ineffabile, permaloso e inesperto Francesco Romolini di Sesto Fiorentino, le cui valutazioni, spesso e volentieri, hanno lasciato a desiderare e capace di cacciare prima il presidente di casa Felice Genovese e, successivamente, allenatore e team manager, rei di non digerire le sue cervellotiche decisioni, una delle quali il fallo inesistente fischiato alla cinese Zhao nel secondo tempo, errore documentato con chiarezza dalle immagini. Alla luce di quanto accaduto sarebbe interessante sapere come mai non sia stato designato un giudice arbitro così come avvenuto per la scorsa partita con il Rapallo, forse perché la sfida non era ritenuta alla pari ? A pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca.
CRONACA – La partenza del Bogliasco è positiva grazie alla reti di Millo, Casey e dell’ex Rambaldi. La Waterpolo Messina sembra la vittima sacrificale, ma ha una reazione da grande squadra. Il capitano Federica Radicchi la prende per mano e la conduce fino al 3-3. Poi D’Amico e due volte la cinese Zhao portano le giallorosse avanti di tre. Il più sembra fatto anche perché Bogliasco perde per tre falli la Zimmerman e la Waterpolo Messina prova a gestire il risultato tenendo in considerazione la sua panchina corta. Bogliasco segna con Rogondino in superiorità ma non riesce a sfondare quasi mai il muro difensivo giallorosso tenuto alla grande dal portiere Sotireli, una delle migliori. La Waterpolo Messina non riesce più andare dall’altra parte del campo perché i fischi arbitrali penalizzano, a un certo punto, solo le giocate delle messinesi. Ne fa le spese la De Vincentiis espulsa definitivamente per un fallo sfuggito ai più. Ad inizio del quarto tempo, Boero insacca il rigore 6-5. La Waterpolo Messina perde per proteste l’allenatore Misiti a metà del quarto tempo. E, dopo il pari di Maggi in superiorità, arriva il rosso anche per la team manager Valentina Sabatini. Il Bogliasco approfitta del momento e trova la rete del successo con Casey a 12 secondi dalla conclusione. Per la Waterpolo Messina una vera e propria beffa ma se continuerà su questa strada potrà togliersi qualche soddisfazione. Romolini permettendo.
COMMENTO- Severo e senza peli sulla lingua il commento del presidente Felice Genovese: “Sappiamo di avere dei limiti ma se siamo destinati alla retrocessione ce lo dicano subito e ci mettiamo il cuore in pace. Oggi, dopo tanti anni di presidenza, mi sono sentito preso in giro. E non è una bella sensazione. In più è difficile da digerire la designazione di un arbitro proveniente dal bacino di una nostra concorrente alla salvezza”.
Più soft, ma sempre duro, l’allenatore Misiti: “ Avevamo fatto una partita secondo le nostre possibilità, giocando con grande attenzione. Poi è cambiato tutto, compreso il metro di giudizio arbitrale. Sembra un bollettino di guerra ma le nostre sono state proteste legittime e civili su valutazioni che non condividiamo”.

TABELLINO WP MESSINA-BOGLIASCO 6-7 ( 2-3,4-0,0-1,0-3)

Wp Messina  : Sotireli, De Vincentiis, Bonanno, Amedeo, Brown, Radicchi 3, D'Amico 1, Rella, Zhao 2, Misiti, Antigue. All. Misiti.
Bogliasco Bene: Malara, Viacava, Zimmerman, Dufour, Trucco, Millo 1, Maggi 1, Rogondino 1, Boero 1 (1 rig.), Rambaldi 1, Cocchiere, Casey 2. All. Sinatra.
Arbitri: Centineo e Romolini.
Superiorità numeriche: Messina 5/9, Bogliasco 4/11 + un rigore.
Note: espulso per proteste l'allenatore della Waterpolo Messina Misiti nel terzo tempo. Uscita per limite di falli Zimmerman (Bogliasco) nel secondo tempo e De Vincentiis (Waterpolo Messina) nel terzo tempo, Rella nel quarto tempo
Questi i risultati  della terza giornata :Plebiscito  Padova- Sis Roma 8-7,
Rapallo- Florentia 13-4, Ekipe Orizzonte Catania- Cosenza 15-10.  Riposa Milano
Classifica A/1 F: Bogliasco 7,  Ekipe Orizzonte Ct, Padova,  Rapallo, Milano 6,  Sis Roma 4,  Waterpolo Messina, Florentia e Cosenza 0
Messina 04/11/2017                                                                                    UFFICIO STAMPA    
                                                                                                                     Antonio Sangiorgi



Secondo turno interno consecutivo per la Waterpolo Messina che, domani, alle 15.30, alla piscina Cappuccini, ospiterà il Bogliasco, una delle formazioni più attrezzate del massimo campionato femminile. Così come ha fatto contro il Rapallo, la squadra peloritana cercherà di giocare con
saggezza il match, conscia del valore dell’avversario che, da anni, frequenta i quartieri alti della classifica. Tra le giallorosse ancora assente Daniela Screnci. Per il resto non sono previste altre novità. La giovane centroboa Giorgia Amedeo, dal 12 al 15 novembre, parteciperà, a Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, al collegiale della nazionale italiana Under 17. Una bella soddisfazione per uno dei migliori prospetti della Waterpolo Messina. Così il tecnico delle peloritane Francesco Misiti: “ Il Bogliasco è, certamente, una grande formazione, guidata da un allenatore molto bravo. Un gruppo che sta, insieme da molto tempo che può contare anche su straniere di ottimo livello. Sarà un match complicato, più difficile rispetto a quello precedente. Proveremo a fare la nostra parte e confermare le cose buone messe in mostra contro Rapallo”.
Questi gli incontri della terza giornata: Padova- Sis Roma, Rapallo- Florentia, Ekipe Orizzonte Catania- Cosenza. Riposa Milano.
Classifica A/1 F: Milano 6, Bogliasco e Sis Roma 4, Ekipe Orizzonte Ct, Padova e Rapallo 3, Waterpolo Messina, Florentia e Cosenza 0.

Vi informiamo che utilizziamo dei cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione. Maggiori informazioni sono sulla pagina privacy.Grazie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information